Riso venere al porro

AuthorRobertaCategory, DifficultyBeginner

 

Yields1 Serving
Prep Time5 minsCook Time25 minsTotal Time30 mins

 160 g Riso venere
 ½ porro
 ½ vino bianco secco
 acqua
 olio di oliva
 aglio in polvere, lievito in scaglie e mandorle tritate
 50 ml panna da cucina di soya
 ¾ dado vegano biologico

1

Innanzitutto il segreto per ottenere un buon risotto, e´utilizzare una buona pentola a fondo alto, che non lo faccia bruciare.
Soffriggere leggermente il porro con l´olio e tenerne da parte qualche pezzettino per decorare in finale il vostro piatto. Aggiungere il riso, soffriggere un paio di minuti e sfumare con il vino bianco.
Incorporare il dado sminuzzato e inglobare acqua fino a ricoprire la superficie del risotto.
A questo punto avete due alternative: o cuocerlo all´onda, evitando di mescolare, tenendolo sempre ben liquido in modo da poterlo smuovere solo maneggiando la pentola, oppure lo mescolate con un cucchiaio di legno.
Aggiungete l´acqua solo quando vedete che quella giá versata si sta quasi per assorbire e cosi´via fino a cottura.
Prima che sia pronto, invece dell´acqua utilizzate la panna di soya, per renderlo piu´cremoso.
Se lo volete servire in forma, dovrete tenerlo piu´consistente, altrimenti servito in modo tradizionale.
In ultimo mantecate con il finto Parmaveg fatto da una mistura di aglio in polvere, mandorle tritate e lievito in scaglie.
Decorate con il porro tenuto in parte e servite ben caldo.
Opzionale: a vostro gusto potete correggere il sapore aggiungendo un pizzico di pepe o sale kala namak.
CAMBIANDO IL MONDO UN MORSO ALLA VOLTA (che e´ anche il titolo del mio libro di ricette vegane, in vendita su Amazon sia in formato cartaceo che Kindle)

Ingredients

 160 g Riso venere
 ½ porro
 ½ vino bianco secco
 acqua
 olio di oliva
 aglio in polvere, lievito in scaglie e mandorle tritate
 50 ml panna da cucina di soya
 ¾ dado vegano biologico

Directions

1

Innanzitutto il segreto per ottenere un buon risotto, e´utilizzare una buona pentola a fondo alto, che non lo faccia bruciare.
Soffriggere leggermente il porro con l´olio e tenerne da parte qualche pezzettino per decorare in finale il vostro piatto. Aggiungere il riso, soffriggere un paio di minuti e sfumare con il vino bianco.
Incorporare il dado sminuzzato e inglobare acqua fino a ricoprire la superficie del risotto.
A questo punto avete due alternative: o cuocerlo all´onda, evitando di mescolare, tenendolo sempre ben liquido in modo da poterlo smuovere solo maneggiando la pentola, oppure lo mescolate con un cucchiaio di legno.
Aggiungete l´acqua solo quando vedete che quella giá versata si sta quasi per assorbire e cosi´via fino a cottura.
Prima che sia pronto, invece dell´acqua utilizzate la panna di soya, per renderlo piu´cremoso.
Se lo volete servire in forma, dovrete tenerlo piu´consistente, altrimenti servito in modo tradizionale.
In ultimo mantecate con il finto Parmaveg fatto da una mistura di aglio in polvere, mandorle tritate e lievito in scaglie.
Decorate con il porro tenuto in parte e servite ben caldo.
Opzionale: a vostro gusto potete correggere il sapore aggiungendo un pizzico di pepe o sale kala namak.
CAMBIANDO IL MONDO UN MORSO ALLA VOLTA (che e´ anche il titolo del mio libro di ricette vegane, in vendita su Amazon sia in formato cartaceo che Kindle)

Riso venere al porro